L’Amaro Svedese di Maria Treben

Di amari alle erbe ne conosciamo parecchi, pubblicità e bottiglie sugli scaffali dei supermercati da anni propongono prodotti alcolici da servire tipicamente in un dopocena. Ma questo amaro è speciale.

Parliamo dell’amaro con le erbe svedesi formulato da Maria Treben.

Questa signora, come riporta anche Wikipedia, ha praticato per molto tempo la fitoterapia, studiandone le varie applicazioni. Essendo profondamente cristiana, le erbe e le cure da esse derivanti erano un’espressione di Dio.

La sua opera più famosa La salute dalla farmacia del Signore (che suggeriamo di leggere per capirne la filosofia) è stata pubblicata in più di 20 lingue vendendo oltre 8 milioni di copie. Nel libro, propone una ricetta per il cosiddetto “Piccolo amaro svedese”, a base di 12 erbe differenti, come terapia per numerose patologie, tramite assunzione o impacco.

Un estratto di questo antico manoscritto, indica le proprietà terapeutiche di questo amaro:

1. Aspirandole o fiutandole ripetutamente, inumidendo con le Erbe Svedesi la prima vertebra cervicale, applicata una pezzuola bagnata con esse, scompariranno dolore e vertigini e si rinforzeranno la memoria ed il cervello.

2. Giovano nell’offuscamento della vista, tolgono il rossore e tutti I dolori persino quando gli occhi sono Infiammati, torbidi e annebbiati. Rimuovono le macchie e la cataratta quando con esse vengono inumiditi gli angoli dell’occhio o quando si applica sulle palpebre degli occhi chiusi, una pezzuola bagnata coni esse.

3. Il vaiolo e gli sfoghi di ogni genere, anche le croste nel naso o in qualsiasi parte del corpo guariscono inumidendo le parti spesso e bene.

4. Contro il mal di denti si diluisce un cucchiaio di queste gocce in un po’ d’acqua trattenendole in bocca per qualche tempo oppure inumidendo il dente dolente con una pezzuola. Il dolore svanirà e il marciume regredirà.

5. Con le gocce s’inumidiscono ripetutamente le vesciche sulla lingua o altre ferite; la guarigione non tarderà.

6. Quando la gola è arrossata o piagata per cui cibo e bevande causano dolore alla deglutizione, le gocce andranno ingerite al mattino, a mezzogiorno e alla sera; toglieranno il calore e guariranno la gola.

7. Chi soffre di crampi allo stomaco ne prenda un cucchiaio durante l’attacco.

8. Contro le coliche si prendano tre cucchiai, lentamente uno dopo l’altro; presto sentirete sollievo.

9. Le gocce annullano l’effetto dei venti nel corpo e rinfrescano il fegato, eliminano tutte le malattie dello stomaco e quelle Intestinali e giovano contro la stitichezza.

10. Sono anche un ottimo rimedio per lo stomaco quando questo digerisce male e rifiuta i cibi.

11. Giovano altrettanto contro i dolori alla cistifellea. Un cucchiaio ogni giorno, mattina e sera; di notte impacchi imbevuti di gocce elimineranno presto tutti i dolori.

12. Contro l’idropisia se ne prenda mattina e sera un cucchiaio nel vino bianco per la durata di sei settimane.

13. Contro dolori e ronzii all’orecchio si inumidisca con le gocce un batuffolo di cotone da introdurre nell’orecchio. Gioverà assai e restituirà persino l’udito perduto.

14. Ad una donna sofferente di dolori uterini se ne dia al mattino per tre giorni di fila un cucchiaio nel vino rosso; dopo una mezz’ora le si faccia fare una passeggiata e poi la colazione, ma senza latte. Le gocce non vanno prese insieme al latte.

15. Prendendone un cucchiaio mattina e sera durante gli ultimi 15 giorni della gravidanza, il parto sarà facilitato. Per liberare più facilmente la placenta, si somministri alla puerpera un cucchiaino da dessert ogni due ore fino a che la placenta non si stacchi senza doglie. (sotto controllo medico)

16. Se dopo il parto si verificano infiammazioni alla mammella con l’inizio dell’allattamento, esse spariranno rapidamente applicando degli impacchi dl gocce.

17. Liberano i bambini dalla varicella. Si somministri al bambino delle gocce, a seconda dell’età, diluite in un po’ d’acqua. Quando le vescicole cominciano a seccarsi, inumidirle ripetutamente con le gocce; non rimarranno cicatrici.

18. Sono efficaci contro vermi nei bambini e negli adulti; eliminano persino le tenie, solo che al bambino occorre somministrarle a seconda dell’età. Legare una pezzuola imbevuta di gocce sull’ombelico mantenendola sempre umida.

19. Nell’itterizia spariscono presto tutti i disturbi prendendo un cucchiaio di gocce tre volte ai giorno ed applicando dei cataplasmi di gocce sul fegato ingrossato.

20. Sbloccano tutte le emorroidi, guariscono i reni, eliminano dal corpo, senza altre cure, i liquidi ipocondriaci, tolgono la malinconia o le depressioni e stimolano l’appetito e la digestione.

21. Aprono anche internamente le emorroidi se le bagniamo ripetutamente e se le rendiamo molli ingerendo le gocce, soprattutto prima di coricarci. Per via esterna si applica un batuffolino di cotone bagnato con le gocce. Renderà fluido anche il resto dei sangue e gioverà contro i bruciori.

22. Se qualcuno è svenuto, gli si apra eventualmente la bocca somministrandogli un cucchiaio di gocce, e il malato ritornerà in se.

23. Prese per bocca allontaneranno anche li dolore dei crampi sordi fino a che col tempo non cessino del tutto.

24. Contro la tisi polmonare si prendano ogni giorno a digiuno e per la durata di sei settimane.

25. Quando una donna perde la sua depurazione mensile o questa sia troppo abbondante, è bene che prenda queste gocce per tre giorni ripetendo l’operazione per venti volte; il medicamento calmerà quanto è in eccedenza e rimedierà a quanto è insufficiente.

26. Questo medicamento giova anche contro le perdite bianche.

27. Se qualcuno è affetto dal mal caduco (epilessia), occorre somministrargliene immediatamente. Il malato continui poi a prendere esclusivamente questo medicinale in quanto esso rinforzerà sia i nervi affaticati che tutto il fisico allontanando ogni malattia.

28. Guariscono le paralisi, scacciano le vertigini e la nausea.

29. Guariscono anche i bruciori del vaiolo e della erisipela.

30. Se qualcuno avesse la febbre, calda o fredda che sia, e fosse molto debole, gli si dia un cucchiaio, e l’ammalato, se non ha caricato il proprio corpo con altri rimedi, tornerà presto in sè, e il suo polso riprenderà a battere; fosse anche stata altissima la sua febbre, li malato migliorerà presto.

31. Le gocce guariscono cancro, vaiolo e verruche di vecchia data nonché le screpolature delle mani. Se una piaga è vecchia e purulenta o se presenta delle escrescenze, la si lavi accuratamente con del vino bianco, coprendola poi con una pezza imbevuta di gocce. Esse elimineranno ulcere e dolori nonché l’escrescenza carnosa, e la ferita inizierà a guarire.

32. Tutte le ferite dovute a colpi o punture guariscono senza complicazioni quando vengono bagnate con le gocce. Immergete una pezza nelle gocce coprendo con essa le ferite. In brevissimo tempo elimineranno il dolore provenendo ogni cancrena o putrefazione e guariranno anche ferite dl vecchia data dovute ad arma da fuoco. Se ci sono buchi iniettate le gocce nella ferita che non occorre necessariamente pulire in precedenza; mediante l’assidua applicazione di una pezza imbevuta, la guarigione avverrà in breve.

33. Fanno scomparire tutte le cicatrici, anche quelle più annose, tutte le piaghe e tutti i tagli se queste vengono inumidite con le gocce fino a 40 volte;. tutte le ferite curate con queste gocce non lasceranno cicatrici.

34. Esse guariscono completamente tutte le fistole anche se sembrano inguaribili e indipendentemente dalla loro età.

35. Curano tutte le ferite da ustioni; che siano prodotte da fuoco, acqua bollente o grasso, quando queste vengano assiduamente bagnate con le gocce. Non si formeranno vesciche; il calore ne verrà estratto. Persino vesciche purulente guariranno totalmente.

36. Le gocce giovano contro tumori e macchie dovuti a urti o colpi.

37. Se qualcuno non riesce a mangiare con appetito, esse restituiranno il sapore perduto.

38. A chi è molto anemico ridonano il colore quando vengano ingerite al mattino per un certo periodo di tempo. Esse purificano il sangue formandone del nuovo e ne favoriscono la circolazione.

39. I dolori reumatici scompaiono prendendo le gocce per bocca o applicando sugli arti Infiammati delle pezze imbevute con le gocce stesse.

40. Curano mani e piedi congelati anche se piagati. Si consiglia dl applicarvi il più spesso possibile delle pezze imbevute soprattutto la notte.

41. Sui calli applicate un batuffolo di cotone imbevuto di gocce inumidendo con esso costantemente il punto dolente. Dopo tre giorni i calli si staccheranno da soli oppure potranno essere levati senza alcun dolore.

42. Curano anche morsi dei cani arrabbiati e di altri animali, prese per bocca, in quanto distruggono tutti i veleni. Coprite le ferite con un panno imbevuto.

43. In caso di peste o altre malattie contagiose è opportuno ingerirne ripetutamente durante la giornata poiché curano ulcere pestose e bubboni anche se insediati nella gola.

44. Chi di notte non dorme bene prenda queste gocce prima di coricarsi. Nel caso di insonnia nervosa applichi sul cuore un panno imbevuto di gocce diluite.

45. Somministrato in quantità di due cucchiai ad un ubriaco, fanno scomparire gli effetti della sbornia.

46. Chi prende queste gocce quotidianamente mattina e sera, non avrà bisogno di alcun’altra medicina, poiché esse rinforzano il corpo, rinfrescano i nervi ed il sangue, liberano dal tremore mani e piedi. In breve, allontanano ogni specie dl malattia. Il corpo rimarrà ben elastico, il viso manterrà la sua giovanilità e bellezza.”

La ricetta prevede diverse erbe e radici, fra le quali compaiono Aloe, Mirra, Zafferano, Cassia Angustifolia, Canfora, Rabarbaro, Curcuma, Tarassaco, Angelica, Teriaca Veneziana, Senna.

Nel nostro shop abbiamo optato per diverse soluzioni di questo amaro:

  • L’insieme di erbe originali per la preparazione casalinga dell’amaro, che deve essere seguita come riportata nel libro o nella descrizione.
  • L’amaro già preparato secondo la formula originale nelle confezioni da 200 ml o da 700 ml
  • L’amaro in gocce concentrate, comode per portarle con sè magari durante un viaggio.

I prodotti con l’Amaro Svedese di Maria Treben li trovate QUI. Con questa formula è proprio il caso di dirlo: alla salute !

  • Paolo

    Le gocce Svedesi, mi hanno aiutato a superare, molti dolori addominali acuti, causati da indigestione.

    Non posso che essere grato a chi le ha “scoperte”.

    Paolo (Torino).

  • Ven Fog

    cura tumori e cancro???? attenzione a quel che si diffonde!

    • http://www.saluteinerba.com Mauro Recchia

      Ho semplicemente riportato quello che la signora Maria treben ha scritto nel suo libro e che si trova in tutti i siti che parlano dell’amaro, oltre ad averlo premesso anche nell’articolo, spero si sia capito.

  • valentina

    posso dar le anche a i bambini?

    • http://www.saluteinerba.com Mauro Recchia

      guarda che è alcolico

      • valentina

        lo so, solo che un amico mi stava dicendo che per bambini si potrebbe mettere una goccia in tazza di camomilla, che con acqua bollente alcol si vaporizza, e non è più alcolico, ma mi dubito un po, ho bambina di sei anni.

        • http://www.saluteinerba.com Mauro Recchia

          se dubiti non darglielo

  • Marco Profumo

    Sono tumefazioni e cancrene, i punti 31 e 36 sono palesemente errori di traduzioni, cos’è avete usato il traduttore di google?

    • http://www.saluteinerba.com Mauro Recchia

      Nessun traduttore di Google, tranquillo. Abbiamo preso una parte del libro di Maria Treben da un sito web. Tu hai il libro in modo da essere più precisi? grazie

  • olari viorica

    olari viorica volevo saper se per gli a malati dell diabete e indicato

    • http://www.saluteinerba.com Mauro Recchia

      E’ un’infusione idroalcolica, non ci sono zuccheri

  • http://www.saluteinerba.com Mauro Recchia

    Anche le gocce si trovano sul nostro shop

  • Pina

    Il Piccolo Amaro Svedese contiene 11 erbe. Negli ingredienti delle erbe pronte per preparare in casa l’amaro ne ho trovate 21. Si tratta forse del Grande Amaro Svedese? Nel libro Maria Treben dice che i risultati terapeutici sono stati ottenuti con il Piccolo Amaro Svedese. Esiste in commercio il Piccolo Amaro Svedese?

    • http://www.saluteinerba.com Mauro Recchia

      Ciao Pina, quello che posso dirti è questo. La dicitura “Amaro Svedese di Maria Treben” è un marchio registrato, solo due case erboristiche in Italia possono produrlo e scriverlo in etichetta. Quello che abbiamo noi ha questa dicitura ed ha la formula originale descritta nel libro.

      • Pina

        Grazie per i chiarimenti. Comunque penso che varrebbe la pena approfondire e vedere se si tratta del Piccolo o del Grande Amaro vista l’enorme differenza di erbe usate. Io ho usato l’Amaro e ho notato effetti benefici riguardo all’insonnia e alla cicatrizzazione di ferite. L’ho usato su una cisti delle ghiandole sebacee per circa un anno e non ho notato miglioramenti. Nel mio libro ( ed. Ennsthaler 25^ edizione 2003) è riportata solo la ricetta del Piccolo Amaro Svedese e non quella del Grande Amaro che invece era stata inserita nel libro dal primo editore senza comunicarlo all’autrice.