Accedi

Carrello

Home » Il Blog di Salute in Erba » Tutti gli articoli » Acne e Brufoli: Cause e Rimedi Naturali

Acne e Brufoli: Cause e Rimedi Naturali

17 Marzo 2021
Acne e Brufoli, cause e rimedi naturali

Indice dei contenuti:

Cos’è l’Acne

A livello epidermico sono presenti numerose ghiandole pilosebacee, il cui ruolo è quello di secernere il sebo (una sostanza a matrice lipidica che serve per idratare la pelle) e di controllare l’accrescimento dei peli.

Queste strutture anatomiche si trovano sull’intera superficie corporea, e anche sul volto, dove spesso sono soggette a fenomeni infiammatori, causati dal contatto con gli agenti climatici oppure da impiego di cosmetici inadeguati.

L’acne si definisce appunto come un’infiammazione di tali ghiandole, che si manifesta con l’insorgenza di papule rilevate, di pustole contenenti pus, di brufoli e di punti neri (comedoni).

La sua comparsa dipende essenzialmente dalla chiusura del poro da cui di norma fuoriesce il pelo, che risulta ostruito da piccoli frammenti di cellule morte mescolate a polvere e sporcizia.

In seguito alla formazione di questo tappo, gli strati epidermici sottostanti si infiammano, formando una papula oppure un brufolo che affiora sulla superficie della pelle.

La sua concentrazione è quindi strettamente collegata alla distribuzione delle formazioni ghiandolari, più o meno abbondanti sulle varie zone di corpo e volto.

Per combatterla si può ricorrere a integratori e creme naturali contro l’acne, ma attenzione alle esigenze specifiche: infatti benché una buona detersione con prodotti antibatterici sia indicata per qualsiasi tipo di acne, ci sono delle differenze nei trattamenti, in particolare tra l’acne da pelle grassa e l’acne da pelle secca.


Acne ormonale

Ormoni e acne sono strettamente connessi, tanto che è proprio durante l’adolescenza, quando la tempesta ormonale è in atto, che la pelle si ricopre con maggiore frequenza di foruncoli, brufoli e comedoni.

Secondo numerose ricerche scientifiche in ambito dermatologico, il metabolismo delle ghiandole sebacee è sottoposto al controllo ormonale da parte di androgeni (nel maschio) ed estrogeni (nella femmina).

Questo dato è confermato dal fatto che l’acne è un disturbo che colpisce indifferentemente entrambi i sessi.

Durante la pubertà, infatti, è facile che l’apparato tegumentario mostri episodi di seborrea, consistenti in un’eccessiva produzione di sebo da parte delle ghiandole pilosebacee.

È proprio questa ipersecrezione che contribuisce a incentivare la comparsa di acne giovanile, prodotta dall’ostruzione dei condotti sebacei che non sono più liberi di riversare all’esterno il liquido.

Mentre nel periodo adolescenziale, questo disturbo è presente nel 70% dei giovani di entrambi i sessi, nell’età adulta tale percentuale scende al 35-40%, questa volta con una netta prevalenza nelle donne (75% rispetto agli uomini).

Simili manifestazioni si collegano al fenomeno delle oscillazioni ormonali, che durante il ciclo mestruale, in gravidanza e in menopausa, la donna è chiamata ad affrontare, secondo processi fisiologici.


Acne giovanile: terapia e prodotti

L’acne giovanile, che è la forma più diffusa del disturbo, dipende dal maggior quantitativo di ormoni circolanti che vengono prodotti dai 13 ai 20 anni circa.

In questa fase della vita, l’acne si presenta sotto tre forme, che sono:
Acne Comedonica, caratterizzata dalla notevole diffusione dei punti neri che si localizzano soprattutto intorno al naso e nella zona labiale superiore;
Acne Papulo-pustolosa, che si manifesta con lesioni eritematose rilevate, spesso con puntina centrale di pus;
Acne Cistica, il cui aspetto consiste nella presenza di cisti sottocutanee rossastre, di solito isolate, ma con tendenza a confluire insieme.

La terapia di questa forma di acne giovanile prevede innanzi tutto un’adeguata igiene della pelle, con detergenti naturali che contengono principi disinfettanti,il cui ruolo è quello di eliminare microrganismi patogeni che di solito si annidano sui foruncoli.

È necessario mantenere l’epidermide nelle migliori condizioni igieniche, ripetendo le operazioni di pulizia almeno 2-3 volte al giorno, utilizzando detergenti a base naturale e privi di sostanze aggressive.

L’impiego di creme deve essere selezionato in base alle singole esigenze, in quanto non tutti i cosmetici possono essere applicati su una pelle acneica; i preparati maggiormente utilizzati sono formulati con principi attivi naturali associati allo zolfo, un minerale dotato di ottime proprietà disinfettanti e decongestionanti, o il sapone liquido al Tea Tree oil.

In natura esistono sostanze dotate di attività decongestionante, lenitiva e tendenzialmente battericida, in grado cioé di eliminare la presenza di microrganismi, responsabili spesso di sovrainfezione batterica.


Acne da pelle grassa oppure secca

Tutte le volte in cui la pelle non si trova in condizioni fisiologiche e pertanto si presenta grassa (iperproduzione di sebo) oppure secca (carenza di sebo), l’acne trova condizioni particolarmente favorevoli al suo sviluppo.

Acne da pelle grassa

La pelle grassa appare lucida e oleosa, disomogenea, discromica (colorito spento) e con i pori dilatati: è proprio quest’ultima caratteristica a provocare lo sviluppo delle formazioni acneiche.

In queste condizioni, il film idrolipidico assume un aspetto simile alla cera, aumentando lo spessore e funzionando come un vero e proprio schermo rispetto all’ambiente esterno.

Di conseguenza si innesca un forte rallentamento della traspirazione, favorendo la moltiplicazione dei germi infettanti responsabili dei processi infiammatori.

La cute seborroica con i pori dilatati, oltre a essere carente sull’aspetto estetico, non è in buona salute perché non riesce a svolgere le sue normali funzioni fisiologiche.

Acne da pelle secca

Contrariamente a quanto si crede, anche la pelle secca può causare l’insorgenza di acne, dato che la disidratazione dei suoi strati superficiali provoca una progressiva desquamazione particolarmente irritante.

In queste condizioni, la produzione di sebo non è sufficiente a proteggere la pelle, che quindi può essere facilmente colonizzata dai microrganismi.

Inoltre gli agenti ambientali, come inquinanti, polveri sottili, smog e umidità, riescono più agevolmente ad attaccare la pelle, che, non essendo più protetta, si mostra estremamente vulnerabile.

L’acne da pelle secca è molto più insidiosa di quella da pelle grassa in quanto prevede un certo numero di interventi, finalizzati innanzi tutto a detergerla e poi a disinfettarla e idratarla.

Il problema principale si collega al fatto che nutrendo un’epidermide disidratata è possibile alterare il suo pH e quindi modificare la composizione del film idrolipidico.

Pertanto è necessario impiegare prodotti selezionati e preferibilmente a base di sostanze naturali, lenitive e non aggressive.

Prodotti e rimedi per acne da pelle secca

Un composto che si è rivelato particolarmente efficace nella cura dell’acne da pelle secca è il tepezcohuite, una sostanza che si estrae da un vegetale chiamato “l’albero della pelle”.

Si tratta di una varietà di mimosa, dalla cui corteccia si ottiene questo balsamo, impiegato fin dall’antichità come efficace fitoterapico su pelli ustionate e infiammate.
L’uso farmacologico della corteccia di questo vegetale è noto fin dal periodo dei Maya, che ne facevano impiego per curare ulcere e lesioni cutanee.

Le benefiche proprietà del tepezcohuite usata anche in caso di psoriasi, dipendono dalla elevata concentrazione di flavonoidi con spiccata azione antiossidante e antiradicalica, oltre che di tannini ad attività astringente e depurativa.

Esso inoltre agisce stimolando la capacità delle cellule a replicarsi, migliorando quindi la rigenerazione dei tessuti.

Presso il nostro shop è disponibile il Sapone Naturale al Tepezcohuite, lavorato artigianalmente a freddo seguendo la vecchia tradizione Marsigliese, che offre prestazioni eccezionali per la detersione di pelle acneica, anche in presenza di piccole ulcerazioni.

Grazie all’elevato contenuto di glicerina naturale, questo prodotto è in grado di idratare e nutrire l’epidermide secca, eliminando fenomeni desquamativi.

Da utilizzare in associazione al sapone, l’Unguento al Tapezcohuite svolge una profonda azione curativa su pelli acneiche, sfruttando le proprietà antinfiammatorie e antibatteriche dell principio attivo.

La Crema al Tepezcohuite e il Fluido Corpo al Tepezcohuite di solito vengono applicati alternandoli all’Olio al Tepezcohuite, dopo il Bagno doccia, per ottenere i massimi benefici da un trattamento completo per rinnovare la pelle.

Per quanto riguarda la cura dei capelli, lo Shampoo al Tepezcohuite e la Lozione Capelli Tepezcohuite, formulati con una concentrazione bilanciata, si confermano prodotti ideali per un cuoio capelluto che presenta eccessiva secchezza con desquamazioni.

Non bisogna dimenticare che spesso la pelle secca presuppone lo sviluppo di dermatiti e di micosi, disturbi piuttosto comuni e molto fastidiosi, che possono essere efficacemente curati appunto da questo composto naturale.


Acne da contatto

Un tipo particolare di acne, che a volte viene confusa con la dermatite, è quella da contatto con tessuti oppure sostanze chimiche irritanti.

Lo sfregamento di filati sintetici provoca un iniziale arrossamento cutaneo, derivante dall’iperstimolazione dei recettivi tattili distribuiti su tutte le parti del corpo, a cui può fare seguito anche lo sviluppo di foruncoli e comedoni.

Simili manifestazioni, particolarmente evidenti sulla schiena (che rappresenta un’ampia zona di sfregamento), possono insorgere anche in prossimità delle pieghe cutanee.

L’impiego delle mascherine monouso, indispensabili per proteggersi dai virus, può dare acne da contatto, detta maskne, perché prodotte con tessuti sintetici spesso trattati con soluzioni idro-alcoliche, e implicare l’insorgenza di manifestazioni irritative e arrossamenti diffusi.

In alcuni casi tali fenomeni sono associati alla comparsa di pustole e foruncoli, peggiorati dall’assenza di traspirazione cutanea


Soluzioni e prodotti naturali per l’acne

Una volta identificati i fattori eziologici dell’acne, che come accennato può avere varie cause, è fondamentale impostare un programma cosmetico mirato, in quanto questo disturbo, una volta guarito, tende a ripresentarsi ciclicamente.

Mai come in questi casi la prevenzione si rivela una preziosa alleata per eliminare il problema che affligge persone di entrambi i sessi e di qualsiasi età, anche se con netta prevalenza di adolescenti e giovani.


Integratori e maschere contro l’acne

Per affrontare in maniera efficace il problema della pelle acneica è necessario agire anche a livello dietetico, curando attentamente l’alimentazione e privilegiando cibi freschi (come frutta e verdura) e ricchi d’acqua, per migliorare il ricambio idrico ed eliminare le tossine.

L’impiego degli integratori si conferma una scelta ottimale per supportare l’organismo, soprattutto in presenza di stati carenziali.

Skin Repair Acne Complex è un preparato a base di Betacarotene, Lapacho, Vitamina A e Vitamina E, che sono principi attivi coadiuvanti nel trattamento di problematiche dermatologiche.

Consigliato per ogni tipo di pelle, il prodotto è ideale per quelle grasse con tendenza acneica e seborroica, sulle quali esercita una profonda azione depurativa e rigenerante.

• La Maschera Purificante Skin Repair, ideale per migliorare visibilmente l’aspetto della pelle, è un preparato purificante, esfoliante e seboregolatore.

Formulata soltanto con principi attivi naturali e grazie alla sua formulazione cremosa e alla texture particolarmente setosa, questa maschera può essere applicata con facilità, consentendo di raggiungere ottimi risultati già dopo pochi giorni d’impiego.


Detersione corretta del viso per combattere acne e brufoli

Necessaria per qualsiasi tipo di pelle, ma indispensabile per quelle a tendenza acneica e seborroica, la detersione deve essere effettuata regolarmente alla sera al momento di coricarsi e al mattino prima del make-up.

Un’efficace beauty routine prevede l’impiego di latte o gel detergente e di tonico, preferibilmente a base di principi attivi naturali, in grado di rispettare il pH cutaneo.

È noto che i normali saponi sono alcalini (pH alto), mentre in situazioni del genere bisogna utilizzare detergenti a pH neutro oppure tendenzialmente acido.

Una corretta detersione prevede l’impiego di preparati sebo-regolarizzanti, capaci di modulare la produzione di sebo, che è il fattore eziologico principale dell’acne.

Il lavaggio inoltre serve ad eliminare i microscopici detriti accumulati e gli elementi morti, derivanti dal normale ricambio cellulare. Ci si può aiutare anche con uno scrub delicato purificante per il viso, da usare due volte a settimana, e con uno scrub antibatterico per il corpo nel caso l’acne sia diffusa anche su spalle, schiena o altre zone meno esposte.

Sono da evitare tutti i prodotti aggressivi, che potrebbero contribuire a irritare ancora maggiormente l’epidermide già stressata, tenendo conto che il detergente ideale deve rispettare la composizione del film idro-lipidico che funge da barriera protettiva verso l’esterno.

È importante infine che il volto venga deterso usando acqua tiepida insieme a prodotti del genere, per ottenere una pelle decongestionata, pulita, idratata e nutrita in maniera equilibrata, priva cioè di discromie e imperfezioni estetiche.

Sieri concentrati per il massimo effetto

Sempre più diffusi tra il pubblico femminile, che ne apprezza le prestazioni sulla pelle, i sieri per il viso sono ormai diventati prodotti indispensabili nella beauty routine di ogni giorno.

Si tratta di preparati più concentrati rispetto alle creme, in grado quindi di penetrare negli strati più profondi della pelle anche se applicati con poche gocce.

Vengono sempre utilizzati in associazione alle creme viso, per rallentare i segni dell’invecchiamento e contrastare gli inestetismi dovuti alla disomogeneità e alle discromie cutanee; il loro impiego infatti è finalizzato alla cura di rughe, occhiaie, perdita di luminosità e presenza di macchie scure.

Per completare un efficace programma di skincare, i sieri si rivelano preziosi alleati nella routine quotidiana, soprattutto grazie alla loro texture liquida che veicola rapidamente i principi attivi, e al basso peso molecolare dei principi attivi che ne favorisce la penetrazione in profondità.

Solitamente i sieri sono in formulazione acquosa, poiché le micromolecole di principi attivi riescono a penetrare più rapidamente se veicolati dal liquido.
È possibile anche trovare tra gli ingredienti delle sostanze lipofile, che diventano disponibili sotto forma di microemulsioni facilmente assimilabili.

Il Siero Regolatore Acne Skin Repair, è una novità assoluta in ambito dermocosmetico, poiché riesce a controllare la produzione di sebo, minimizzando l’insorgenza di acne, e, grazie a una notevole azione adsorbente e detossificante, contrasta le reazioni aggressive ambientali, limitando lo stress cutaneo.

Non bisogna trascurare l’esigenza che, anche una pelle acneica, mostra nei confronti di un adeguato impiego di cosmetici, come appunto il siero, un vero e proprio elisir concentrato dello skin-care.

Anche per quanto riguarda il siero, è necessario che la sua formulazione lo renda seboregolatore, astringente, purificante e lenitivo, soprattutto in quanto esso penetra negli strati più profondi della pelle.

Grazie a un’azione protettiva e ristrutturante nelle zone più irritate, un prodotto mirato alle pelli acneiche può consentire un miglioramento del loro aspetto già dopo tempo d’impiego.

Se usato regolarmente, infatti, svolge anche un’azione preventiva, contribuendo a evitare la formazione di comedoni e foruncoli.

Oli essenziali contro acne e brufoli

Prodotti per estrazione da varie parti dei vegetali, gli oli essenziali sono sostanze grasse ricche di essenze, aromatizzate, che trovano largo impiego in cosmetica oltre che in aromaterapia.

Per le pelli acneiche è necessario selezionare prodotti specifici, in quanto la loro componente grassa deve essere unita a sostanze purificanti e decongestionanti, come il rosmarino, la calendula, la lavanda e il tea tree.

In particolare  l’Olio Essenziale al Tea Tree ha proprietà rigeneratrici, antinfiammatorie, depurative e lenitive, il cui utilizzo consente di purificare i pori parzialmente ostruiti e nello stesso tempo eliminare gli arrossamenti.

Le sue proprietà astringenti e disinfettanti si rivelano un vero toccasana per le pelli seborroiche, dato che riesce a regolarizzare la secrezione di sebo.

È possibile miscelare dieci gocce di questo composto in un flacone di acqua fresca, per ottenere una lozione da utilizzare ogni giorno prima di coricarsi.

Alternativamente si possono versare due gocce di olio puro su un batuffolo di cotone inumidito e passarlo in corrispondenza delle parti del viso dove sono concentrati i foruncoli, tamponandoli leggermente.

In questo modo vengono asportate le impurità e, grazie all’efficacia disinfettante dell’olio, l’epidermide viene purificata.

Patch cosmetici e cerotti per il viso

Per il trattamento degli inestetismi da acne, specialmente quella comedonica, sono disponibili soluzioni locali come i patch cosmetici, dei veri e propri cerotti per i punti neri, che intervenendo sugli accumuli di sebo e asportandoli con azione meccanica ne prevengono la trasformazione in veri e propri brufoli.

I patch cosmetici e i cerotti medicali naturali vengono anche utilizzati per le infezioni più gravi, come l’herpes, o per la più semplice cura del viso nelle zone più sensibili, come il contorno occhi.

Salute in Erba ti consiglia..

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.