Accedi

Carrello

Home » Il Blog di Salute in Erba » Manuka Wellness » Miele di Kanuka: Caratteristiche, Proprietà e Differenze dal Manuka

Miele di Kanuka: Caratteristiche, Proprietà e Differenze dal Manuka

26 Maggio 2022
Miele di Kanuka, le proprietà e le differenze con il Manuka

Indice dei contenuti:

Miele di Kanuka, cosa sappiamo ?

Le proprietà antibatteriche uniche del miele di manuka della Nuova Zelanda hanno ricevuto molta attenzione negli ultimi decenni, guadagnando un alto valore nel mercato internazionale e attirando l’attenzione globale.

Il miele di Kanuka (Kunzea ericoides è il nome botanico), un lontano parente del manuka (Leptospermum

scoparium), ha ricevuto meno attenzioni, nonostante anche questo miele abbia proprietà uniche.

Entrambi appartenenti alla famiglia delle Myrtaceae, il manuka e il kanuka sono arbusti che si trovano in tutta la Nuova Zelanda.

Ad occhio nudo queste piante sono notevolmente simili, entrambe con piccoli fiori bianchi o rosa, lunghe foglie ellittiche e legnose.

L’arbusto di Kanuka può essere distinto dal Manuka in quanto ha foglie più morbide e baccelli più piccoli, i suoi fiori crescono in gruppi e generalmente gli arbusti sono molto più grandi e vivono di più.

Nel 1832 quando Achille Richard, botanico francese, raccolse esemplari di manuka e kanuka in una visita in Nuova Zelanda, pensò che queste due piante appartenessero allo stesso genere, il Leptospermum. Questa credenza durò fino all’inizio degli anni ’80 quando una botanica australiana, Joy Thompson, stabilì che queste due piante erano parenti più lontani di quanto si pensasse, e prontamente cambiò il kanuka dal genere Leptospermum (Leptospermum ericoides) al genere Kunzea (Kunzea ericoides) (Thompson, 1983).

Miele di Kanuka e miele di Manuka, quali le differenze?

Le somiglianze visive tra le piante di manuka e kanuka hanno portato molti a credere che il miele derivato da questi fiori abbiano le stesse proprietà antibatteriche; tuttavia, la ricerca in corso ha identificato una serie di differenze nelle proprietà chimiche di questi mieli.

Storicamente, le differenze sono sempre rimaste sfocate tra i mieli di manuka e di kanuka poiché vengono spesso raccolti in aree geografiche simili; quindi, il nettare raccolto dalle api può essere di entrambe le piante presente a livelli variabili in un singolo vasetto di miele ottenuto (Stephens et al., 2010).

Per natura dei metodi di foraggiamento delle api è difficile ottenere un miele veramente monofloreale (cioè dove tutto il nettare proviene da un’unica origine floreale), quindi è stato comune etichettare il miele come tipo manuka, kanuka o manuka-kanuka. (Anche se per l’occhio allenato ci sono differenze visive nelle caratteristiche dei due mieli, come texture e colore).

Il conteggio del polline è una tecnica che è stata storicamente utilizzata per identificare i tipi floreali di un miele, ma nel caso di manuka e kanuka, la somiglianza visiva si estende oltre al polline di queste due piante.

I grani di polline di Manuka e Kanuka sembrano visivamente quasi identici tra loro se visti al microscopio ottico, quindi questa tecnica rende molto difficile la classificazione floreale di manuka o kanuka (Stephens et al., 2010).

I progressi nelle tecniche di laboratorio stanno rendendo più facile identificare il miele di kanuka. È noto che il manuka ha un’attività antibatterica non perossidica (NPA) unica a causa della presenza del metilgliossale alimentare (MGO) ad alta concentrazione nel miele. L’MGO può essere misurato come parte del test manuka disponibile in commercio presso laboratori in Nuova Zelanda e all’estero (Stephens et al., 2010).

Numerosi studi hanno dimostrato che l’MGO non è presente nel miele di kanuka, quindi la presenza/assenza di MGO può essere utilizzata come indicatore iniziale se un miele è (principalmente) manuka o un altro tipo floreale come il kanuka.

Le Proprietà del miele di Kanuka

Sebbene il kanuka non mostri attività non perossidica, ha proprietà antibatteriche a causa degli alti livelli di perossido di idrogeno nel miele (Fingleton et al., 2014). L’attività del perossido di idrogeno può essere misurata in laboratorio utilizzando un test di attività totale, che utilizza una tecnica chiamata metodo di diffusione – agar per misurare la capacità del miele di inibire la crescita di batteri cresciuti in una piastra di agar (Lu et al., 2013). Maggiore è l’attività totale, maggiore è la proprietà antibatterica del miele.

Altri tipi di fiori contengono anche perossido di idrogeno, a volte a livelli molto alti come i mieli di Jarrah che si trovano in Australia Occidentale. Per questo motivo, testare l’attività totale non è un modo infallibile per confermare se un miele è di kanuka.

È disponibile un test di laboratorio che cerca i marcatori chimici unici per il kanuka come metodo di autenticazione del miele.

Il Kanuka ha un profilo unico di sostanze chimiche che possono essere utilizzate per distinguerlo dal manuka e altri tipi floreali (Stephens et al., 2010). Misurando queste sostanze chimiche nel miele e quindi confrontandole con il previsto “profilo kanuka”, il miele può essere classificato come kanuka.

Applicazioni per la salute del miele di Kanuka

La ricerca sui benefici per la salute del miele di kanuka è ancora in fase iniziale. L’attività del perossido di idrogeno contenuto in questo miele, come accennato in precedenza, è utile per l’uso antibatterico.

È importante notare, tuttavia, che il perossido di idrogeno viene inattivato da un enzima chiamato catalasi, che si trova in tutto il corpo, compresa la pelle umana.

Quando applicato a livello topico, il perossido di idrogeno presente nel miele di kanuka tende a degradarsi gradualmente e le proprietà antibatteriche cominciano a declinare.

La ricerca ha dimostrato che anche quando il perossido di idrogeno comincia ad inattivarsi, il kanuka continua a mantenere un certo grado di attività antibatterica (Lu et al., 2013). Ciò indica che ci sono altre sostanze chimiche nel kanuka che agiscono in un maniera antibatterica.

Il Kanuka contiene alti livelli di composti fenolici che si pensa abbiano un importante contributo alle applicazioni per la salute del kanuka, inclusa la stimolazione immunitaria, gli effetti antinfiammatori e l’uso nelle medicazioni da ferita (Stephens et al., 2010; Fingleton et al., 2014). Sono necessarie ulteriori indagini per quantificare queste sostanze chimiche e la loro attività, ma c’è un grande potenziale per questa ricerca per portare ad applicazioni mediche più consolidate di kanuka.

Spesso visto come il cugino meno importante di manuka, il kanuka è una varietà di miele unica con un grande potenziale.

Come la ricerca sui benefici per la salute continua e i test di laboratorio si evolvono per autenticare meglio questa varietà di miele, il il futuro di kanuka è promettente.

Su Salute in Erba trovi il marchio Manuka New Zealand che produce solo miele di Kanuka crudo, non filtrato e non pastorizzato.

Salute in Erba ti consiglia

Condividi sui social!
Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.