Accedi

Carrello

Home » Il Blog di Salute in Erba » Cure naturali » Zeolite Benefici e Proprietà del minerale vulcanico

Zeolite Benefici e Proprietà del minerale vulcanico

15 Luglio 2020

Indice dei contenuti:

Benefici e proprietà della Zeolite

Zeolite benefici

La zeolite è uno di quei minerali che includono un gran ventaglio di benefici e vantaggi per l’organismo umano. In effetti le possibilità offerte da questa sostanza sono così tanti che potrebbe persino diventare difficile includerle tutte in una sola lista. Spesso vengono scoperti dei nuovi utilizzi della zeolite e la sua popolarità sta diventando sempre più ampia.

Oltre ad avere una vasta gamma di vantaggi sui terreni agricoli (per esempio, riesce a migliorare l’assorbimento dell’acqua da parte degli stessi oltre che la loro traspirazione, il che permette di aumentare la produttività agricola), la zeolite è anche benefica per il nostro organismo. Viene usata in modo piuttosto massiccio per migliorare la salute delle persone. Tra i suoi effetti più accentuati sulla salute delle persone troviamo:

  • la capacità assorbente, di gran lunga più efficace rispetto a quella di molte altre sostanze: quest’ultima permette alla zeolite di assorbire tossine e una vasta gamma di sostanze potenzialmente nocive;
  • grazie all’elevato contenuto di sali minerali può apportare all’organismo varie sostanze benefiche e, in generale, migliorare il senso di benessere;
  • viene usato come integratore alimentare da tutti coloro che vogliono dimagrire in modo efficace, in quanto riesce ad accelerare il metabolismo permettendo alla persona di perdere il peso senza rischi;
  • in generale svolge un’azione purificante sull’organismo, aiutando anche nella lotta al colesterolo;
  • a causa dell’elevata concentrazione di alcuni cationi, la zeolite si rivela molto utile per contrastare alcune patologie del sistema scheletrico, in quanto è in grado di rafforzare il tessuto osseo;
  • nell’ultimo periodo si usa la zeolite anche per aiutare le persone che sono state sottoposte a radiazioni, in quanto questo minerale è in grado di assorbirne gli isotopi: è stato dimostrato che dopo un trattamento a base di zeolite le persone si sentono più energiche e in forma;
  • infine occorre ricordare che è in grado di ridurre anche l’effetto negativo della chemioterapia sul corpo, alleviando il senso di dolore del paziente.

In generale bisogna dire che questo minerale svolga un’azione a 360°. Non ha molte controindicazioni e, di contro, include comunque numerose proprietà benefiche. Questo ha permesso alla zeolite di diventare uno dei minerali più utilizzati nel settore medico al giorno d’oggi.

La Zeolite pura

La zeolite pura al 100% difficilmente si trova in natura, ma viene ricavata a partire dai minerali silicanti che, d’altro canto, si possono ritrovare in alcune zone. Di base la zeolite pura altro non è che un silicato (appartiene alla sottoclasse dei silicati) ed è caratterizzata da una struttura cristallina particolarmente aperta, cosa che rende questo minerale molto semplice da far interagire con altre sostanze. Non solo: la zeolite ospita anche una grande varietà di elementi interconnessi tra loro.

I minerali di questo genere includono anche un’impalcatura di genere tectosilicatico con tanto di ioni Ca, K e Na. Ovviamente non manca l’Alluminio (in quanto si tratta di alluminosilicati), oltre che le molecole d’acqua (si possono trovare in quantità molto variabile nelle cavità strutturali interne della zeolite).

Parlare di zeolite pura, inoltre, è abbastanza complesso considerando che attualmente si possono trovare in natura oltre 46 tipi di zeolite la cui origine è abbastanza variabile e la struttura si diversifica leggermente a seconda della sottotipologia di zeolite. Negli Stati Uniti e in altri Paesi del mondo, hanno imparato a sintetizzare la zeolite artificiale. Tuttavia, si è scoperto che quest’ultima ha delle proprietà completamente diverse: a differenza di quella naturale, non ha proprietà relative allo scambio ionico selettivo, non ha una rigorosa calibrazione dei pori e una caratteristica struttura cristallina. Si conferma ancora una volta che finora la scienza moderna non può riprodurre sinteticamente i composti naturali con proprietà inerenti.

Per questo si rende necessario utilizzare unicamente la zeolite pura naturale invece dei prodotti artificiali per curare alcuni possibili malesseri.

A cosa serve la Zeolite

Come abbiamo già visto, essa viene non solo impiegata nell’ambito dell’agricoltura o, in generale, di gestione dei terreni, ma anche nel campo medico. Oltre a quanto sopra, le zeoliti vengono usate nell’industria cosmetica e come integratori alimentari. La zeolite viene anche immessa negli acquari per filtrare l’acqua dai metalli pesanti, ma anche delle impurità di ammoniaca, prodotti petroliferi, nitrati e nitriti, oli e persino dagli isotopi radioattivi. 

Durante l’incidente di Chernobyl, il loro ruolo nell’eliminazione delle conseguenze fu innegabile. L’effetto adsorbente delle zeoliti consentì di purificare l’acqua del 90-95% da virus, batteri e infezioni, oltre che dalle radiazioni.

E nel corpo umano? La zeolite viene spesso usata da coloro che sono state colpite dalle radiazioni e hanno bisogno di un ottimo minerale che possa assorbire le radiazioni (l’effetto assorbente di questo minerale, difatti, è universale e vale per molti elementi, sostanze e materiali). Non a caso viene utilizzato nel caso di avvelenamento per rimuovere le sostanze tossiche e i metalli pesanti.

Nell’ultimo periodo si utilizza sempre di più la zeolite anche nel caso del cancro, in qualità di materiale sperimentale. Ci sono comunque delle ricerche che già oggi dimostrano come la zeolite sia molto utile nel limitare la crescita delle neoplasie maligne riducendo l’azione negativa sul corpo della chemioterapia. Alcuni naturopati fanno un ampio utilizzo della zeolite per la cura dei graffi, ustioni e tagli.

Nell’ultimo periodo è stata riscoperta la sua efficacia nella cura delle malattie dell’apparato muscolo-schelettrico. La zeolite non solo diventa utile a rafforzarlo, ma agisce anche sul sistema endocrino aiutando a normalizzarne il funzionamento nel caso degli sbalzi vari.

L’assunzione della zeolite viene anche prescitta alle persone anziane che hanno il bisogno di rafforzare il proprio tessuto osseo. Qesto integratore alimentare, difatti, aiuta a prevenire fratture o rotture permettendo alla persona di sentirsi anche maggiormente energica e in salute.

Infine bisogna anche ricordarsi del suo apporto benefico sul tratto gastrointestinale. Ovviamente non tutte le 46 tipologie di zeoliti è possibile usare in medicina e alcune sottotipologie si addicono meglio per certi utilizzi rispetto ad altre.

Zeolite contro il colesterolo

Ultimamente si preferisce aggiungere la zeolite ai principali pasti in qualità di buon integratore alimentare. In questo caso la zeolite apporta all’organismo un gran ventaglio di sali minerali utili per il suo corretto funzionamento. Non solo: si tratta di un ottimo rimedio che usano tutti coloro che soffrono di colesterolo alto.

Difatti, la zeolite rimuove qualsiasi elemento in eccesso nel corpo umano ed effettua lo scambio ionico selettivo. Allo stesso tempo, il corpo ha l’opportunità di lavorare in modo indipendente e completo, eliminando i disturbi di salute. Questo riguarda anche il colesterolo: qualora fosse presente nel corpo in eccesso, verrebbe ridotto di concentrazione dall’azione della zeolite. Ovviamente, servirebbe comunque assumere l’integratore alimentare a base di zeolite in modo costante, giorno dopo giorno, per poter godere a pieno di tutti benefici di questo minerale anche come rimedio naturale contro il colesterolo.

La Zeolite per dimagrire

La zeolite ha grandi capacità di scambio cationico, grazie alle quali agisce come un potente antiossidante per il corpo. Si tratta di una proprietà utile non solo nel caso dell’eliminazione dall’organismo umano di sostanze in eccesso, ma anche del dimagrimento. Le diete che prevedono una rapida perdita di peso in eccesso causano uno stato di tossicità nel corpo. In condizioni normali, le tossine lipofile, come le diossine, si trovano nel grasso corporeo, e vengono rilasciate lentamente e gradualmente. Se qualcuno perde una grande quantità di grasso rapidamente, enormi quantità di tossine vengono rilasciate nel corpo proprio a partire da queste sorgenti.

Pertanto, utilizzare la zeolite come rimedio naturale per perdere peso sembra intuitivo e ottimale. La zeolite contribuisce a ridurre la concentrazione di tali sostanze nell’organismo e contribuisce a riportare il corpo a uno stato di perfetto benessere. La sua capacità di legare e rimuovere le sostanze nocive dal corpo è eccezionale. Per questo le persone che decidono d’intraprendere una dieta usano la zeolite sempre più spesso.

Non solo: ultimamente anche i medici consigliano di assumere più spesso un integratore alimentare a base di zeolite non solo per eliminare alcune condizioni tossiche legate a un dimagrimento troppo veloce, ma anche per velocizzare il metabolismo corporeo, cosa che a sua volta porta alla perdita di peso.  Si consiglia comunque di non esagerare con l’assunzione della zeolite, perché delle concentrazioni troppo elevate di questo materiale nell’organismo potrebbe portare ad alcuni effetti negativi. Per questo si consiglia di usare questo integratore fino a un massimo di 5 giorni settimanali

Perchè si parla di Zeolite attivata?

Capita di sentire sempre più spesso anche il termine “zeolite attivata”. In effetti, le persone non sanno di cosa si tratta e perché questo materiale sia così importante. La realtà è che non è un minerale differente, come in molti credono. La zeolite attivata è semplicemente stata trattata in maniera tale da esprimere al massimo le proprie caratteristiche assorbenti.

La zeolite attivata ha praticamente la stessa struttura della zeolite pura, con l’unica differenza che si addice meglio all’assorbimento delle sostanze potenzialmente dannose dall’organismo umano. Ovviamente, si può usare anche la zeolite semplice piuttosto che quella attivata. Tuttavia, in questo caso le proprietà assorbenti della zeolite saranno meno accentuate.

Come si usa la Zeolite?

La zeolite va assunta per via orale insieme a un pasto. Non bisogna esagerare, in quanto ciò che viene fornito all’organismo in concentrazioni troppo alte rischia di apportare degli effetti negativi piuttosto che quelli positivi. Si può anche assumere la zeolite al di fuori dai pasti, ma in questo caso si consiglia di bere molta acqua

In quali forme è disponibile?

In vendita su Salute in Erba sono presenti soprattutto due forme di zeolite: zeolite in capsule e zeolite in polvere. 

In capsule la zeolite viene venduta in una confezione da 180 capsule che si possono usare in qualità d’integratore alimentare. Vanno assunte con un bicchiere d’acqua durante o dopo i pasti per poter godere al massimo di tutti suoi benefici.

La zeolite attivata in polvere ultrafine, invece, può essere aggiunta direttamente al pasto oppure venire assunta direttamente, accompagnata da un po’ d’acqua. In tutti casi riesce ad apportare all’organismo numerose sostanze benefiche che gli sono necessarie per un corretto funzionamento. Un barattolo di polvere ultrafine di zeolite contiene all’incirca 300 grammi di questo prodotto.

Quanta Zeolite è necessario assumere e quando?

Nel caso si volesse usare la zeolite in qualità d’integratore alimentare bisogna stare attenti al dosaggio. Si consiglia di somministrare solo un cucchiaio di zeolite per i primi 10 giorni, basta una volta al giorno. In alcuni casi si consiglia di aumentare leggermente il dosaggio e di aggiungere mezzo cucchiaino di zeolite disciolto in acqua da assumere al mattino, a stomaco vuoto.

Durante l’assunzione della zeolite si consiglia anche di bere molta acqua durante il giorno e di non utilizzare la zeolite per più di 5 giorni settimanali. Quindi è ideale assumere questo integratore alimentare per 2 settimane, 5 giorni a settimana (10 giorni in totale) con una pausa di 2 giorni (preferibilmente sabato e domenica) tra i primi 5 giorni e quelli finali.

In ogni caso si consiglia di parlare con il proprio medico di fiducia prima d’iniziare l’assunzione della zeolite.

Zeolite: ci sono controindicazioni?

Nonostante i diversi vantaggi della zeolite, ci sono anche delle controindicazioni che bisogna tenere in considerazione. In particolare si tratta di un minerale che viene sconsigliato alle donne incinta.

Tra i possibili effetti collaterali bisogna ricordarsi di sintomi come la nausea (quest’ultima è solita comparire i primi giorni di assunzione) o il mal di testa. Si tratta di segni visibili del processo di disintossicazione dell’organismo. In alcuni casi è possibile notare anche la comparsa di altri sintomi. Tra questi bisogna ricordarsi soprattutto di stitichezza, in quanto la zeolite assorbe delle grandi quantità d’acqua. Inoltre è meglio evitare di assumere gli integratori alimentari a base di zeolite se si soffre di particolari allergie legate ad alcuni minerali. In alcuni casi la persona che assumere la zeolite può sentirsi un po’ stanca e debole i primi giorni: si tratta di una condizione che, però, tende a svanire nel corso del tempo.

Salute in Erba ti consiglia..

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.